I panzerotti pugliesi super collaudatissimi
Lievitati salati,  Panzerotti,  RICETTE PUGLIESI

I panzerotti pugliesi super collaudatissimi

Sono davvero felice di inaugurare il mio blog tutto pugliese con una delle ricette più amate in assoluto, I PANZEROTTI PUGLIESI . Di impasti per panzerotti ce ne sono davvero tanti da quello alla birra, al latte, con acqua frizzante etc etc. ma permettetemi di dirvi che questi sono sempre stati la mia certezza. Non è semplice mangiare un panzerotto appena fritto. Al primo morso fuoriesce questo ripieno incandescente a dir poco godurioso che vi tradisce, non resistete e vi bruciate puntualmente. Il panzerotto bisogna mangiarlo con cura, in piedi con il corpo in avanti perchè al primo morso ti sporchi di sicuro. Qui di seguito vi elencherò gli ingredienti per l’impasto , qui a Taranto, nella mia città, il ripieno è di mortadella e provola, ma quello semplice con mozzarella, pomodoro e basilico rimane per me il più buono . In questa ricetta ho fatto un mix con mortadella pomodoro e mozzarella. Qui di seguito la ricetta con foto passo passo

I panzerotti pugliesi super collaudatissimi
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo3 Ore
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Porzioni6 persone
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

INGREDIENTI IMPASTO

  • 300 gFarina di semola rimacinata
  • 200 gFarina 00
  • 150 mlAcqua tiepida (o 300 ml di acqua se non mettete il latte)
  • 150 mlLatte (facoltativo )
  • 3 cucchiaiOlio extravergine d’oliva
  • 1 cucchiainoZucchero
  • 10 gSale
  • 8 gLievito di birra fresco

INGREDIENTI PER IL RIPIENO

  • 300 gmozzarella fiordilatte (o se preferite 200 g. di provola)
  • 100 gMortadella ((facoltativo))
  • 4 cucchiaiSalsa di pomodori
  • 4 foglieBasilico
  • 2 cucchiaiParmigiano Reggiano DOP
  • 1 lOlio di semi di arachide
  • q.b.Sale

Strumenti

  • Padella per friggere
  • Planetaria
  • Canovaccio
  • Mattarello
  • Spianatoia

Preparazione

  1. Allora siete pronti per preparare i panzerotti più buoni in assoluto ?Naturalmente cominciamo dall’impasto.

  2. In planetaria ( se non avete la planetaria anche in un robot da cucina o anche in una semplice coppa) inserire l’acqua, il latte, l’olio evo, lo zucchero e il lievito(1)

  3. Aggiungere le farina poco per volta sempre continuando a lavorare il composto (2)

  4. Quando l’impasto prende forma e si stacca dalle pareti della planetaria, continuare a lavorarlo energicamente a mano sulla spianatoia(3)

  5. Lavorare e pirlare un po’ l’impasto fino a renderlo liscio (4)

  6. Coprire con canovaccio e far raddoppiare in forno spento con la luce accesa per 3 ore(5)

  7. Nel frattempo preparare il ripieno. Tagliare a mozzarella a pezzi piccoli(6) Se preferite farcirla alla tarantina tagliate a provola a pezzetti invece della mozzarella e unirla alla mortadella a pezzetti.

  8. In una coppa condire la salsa di pomodoro con sale e basilico(7)

  9. Fare a pezzetti la mortadella (8) questa è facoltativa, se volete potete farcirli anche solo con mozzarella e pomodoro

  10. Ora mettete a scolare il ripieno in frigo . Io ho messo il ripieno in una schiumarola con una coppa sotto (9)

  11. A questo punto prelevare un pezzetto di impasto e con il mattarello stenderlo il più sottile possibile. (10)

  12. I Panzerotti
  13. Se si usa l’attrezzo posizionare il dischetto sopra e versare una generosa cucchiaiata di ripieno (11)

  14. Chiudere in modo energico ed eliminare l’impasto che fuoriesce(12)

  15. Se invece si fa manualmente, farcire sempre al centro con il ripieno, chiudere a mezza luna e sigillare bene i bordi, portando l’impasto verso l’interno (13)

  16. Friggere a massimo 3 panzerotti alla volta in abbondante olio di semi di arachide girando ogni tanto (14)

  17. Togliere i panzerotti dall’olio e metter,i su una coppa con carta assorbente per eliminare l’eccesso di olio (15)

  18. I Panzerotti
  19. I panzerotti pugliesi sono pronti per essere gustati caldissimi

  20. I panzerotti pugliesi super collaudatissimi

CONSIGLI

1) Per vedere se la lievitazione è giusta premere con un dito: se la fossetta sparisce velocemente, l’impasto deve ancora lievitare; se torna indietro lentamente è ora di friggere.

2) Il dischetto deve essere molto sottile, la caratteristica del panzerotto pugliese è proprio questo, impasto sottile e tanto ripieno che esplode fuori

3) la temperatura massima dell’olio deve essere 180°, non oltre

4) se avete più tempo a disposizione potete anche diminuire la quantità i lievito per renderli più digeribili.

5) Vi consiglio di far scolare bene il ripieno per molte ore per elimiare tutti i liquidi che potrebbero dare problemi in frittura.

6) Altra cosa importantissima non chiudete mai troppo in anticipo i panzerotti , fatelo in contemporanea alla frittura altrimenti continuerebbero a lievitare e naturalmente in cottura si aprirebbero.

7) Friggere a max 3 panzerotti alla volta

8) Tra gli ingredienti c’è il latte. Questo ingrediente è facoltativo a me piace perchè rende l’impasto più croccante fuori e morbido dentro, ma se non volete usarlo o siete intolleranti lo sostituite con la stessa quantità di acqua tiepida.

NOTE

Ricetta e foto Francesca Galante ©copyright – tutti i diritti riservati. Se provate questa ricetta non esitate a condividere sulla mia pagina facebook le vostre foto.. e se avete altre idee e varianti fatemelo sapere che le provo tutte 🙂

A domani con una nuova ricetta.

Se volete seguirmi trovate qui la mia pagina  facebook Il Food Che Ti Pugliae anche la mia pagina IG  per restare sempre aggiornati e in contatto con me.

4,7 / 5
Grazie per aver votato!

2 Commenti

  • domenico signorile

    sono pugliese e mi trovo in canada da ben 50 anni ,per dire faccio i pazerotti ma non metto il latte nella pasta, ti prometto che la prossima volta faro la tua ricetta ,vedro la differenza e te lo faro sapere .
    grazie

    • ilfoodchetipuglia

      Evvaiiii fammi sapere. Appena posso farò anche quelli con l’impasto alla birra … prova anche quelli sono spettacolari

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.